E' QUEL CHE E' - Poesie d'amore di paura di collera

by Erich Fried | Poetry |
ISBN: 8806599933 Global Overview for this book
Registered by hellobookbox on 6/13/2024
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
This book is in the wild! This Book is Currently in the Wild!
1 journaler for this copy...
Journal Entry 1 by hellobookbox on Thursday, June 13, 2024
Il repertorio di Fried è ampio, comprende liriche d’amore, poesie comiche e divertissements, testi sulla natura, versi didattici. Analogamente, anche la sua ira – cioè il coraggio politico e civile – s’è raramente confusa con la politica spicciola né mai allineata ad una precisa corrente. Fried ha nutrito piuttosto l’indignazione del profeta e la sua coerenza è nata dallo sdegno del moralista e dall’insoddisfazione per l’immobilità e la stasi. Pur nella sobrietà del suo dettato, egli era di un’inesausta spontaneità, il giocoliere di una fantasia agglutinante: l’altra forma, si è detto, della necessità e del travaglio espressivi. La scuola della poesia moderna gli era in ogni caso ben nota: frequentò idealmente anche l’avanguardia (da Arp a Schwitters); conosceva a menadito gli inglesi, e si era fatto le ossa traducendo Th.S.Eliot, Dylan Thomas, Wilfred Owen, per non parlare di Shakespeare, di cui ha offerto la versione più coscienziosa ed esatta che ci sia data di leggere in tedesco.

Journal Entry 2 by hellobookbox at Hello Book Box in Ferrara, Emilia Romagna Italy on Thursday, June 13, 2024

Released 1 mo ago (6/14/2024 UTC) at Hello Book Box in Ferrara, Emilia Romagna Italy

WILD RELEASE NOTES:

Il repertorio di Fried è ampio, comprende liriche d’amore, poesie comiche e divertissements, testi sulla natura, versi didattici. Analogamente, anche la sua ira – cioè il coraggio politico e civile – s’è raramente confusa con la politica spicciola né mai allineata ad una precisa corrente. Fried ha nutrito piuttosto l’indignazione del profeta e la sua coerenza è nata dallo sdegno del moralista e dall’insoddisfazione per l’immobilità e la stasi. Pur nella sobrietà del suo dettato, egli era di un’inesausta spontaneità, il giocoliere di una fantasia agglutinante: l’altra forma, si è detto, della necessità e del travaglio espressivi. La scuola della poesia moderna gli era in ogni caso ben nota: frequentò idealmente anche l’avanguardia (da Arp a Schwitters); conosceva a menadito gli inglesi, e si era fatto le ossa traducendo Th.S.Eliot, Dylan Thomas, Wilfred Owen, per non parlare di Shakespeare, di cui ha offerto la versione più coscienziosa ed esatta che ci sia data di leggere in tedesco.

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.