@Segreta Penelope

Registered by devonpennyblack of Bordighera, Liguria Italy on 7/10/2007
Buy from one of these Booksellers:
Amazon.com | Amazon UK | Amazon CA | Amazon DE | Amazon FR | Amazon IT | Bol.com
13 journalers for this copy...
Journal Entry 1 by devonpennyblack from Bordighera, Liguria Italy on Tuesday, July 10, 2007
Il suicidio di una vecchia amica spinge a ripensare al passato, ma anche a riflettere sul presente e sulle aspettative di una vita che risulta spesso insoddisfacente.
L'autrice attraverso il racconto della vita dei suoi protagonisti ci spinge a scavare dentro di noi.
RING APERTO
La lista dei partecipanti è quì!!!

Journal Entry 2 by -Azalais- from Catania, Sicilia Italy on Friday, July 20, 2007
Arrivato: lo inizio subito.

Journal Entry 3 by -Azalais- from Catania, Sicilia Italy on Friday, August 10, 2007
Mi è piaciuto molto. Mi ha messo di fronte a problemi che sento nella carne. Quanto in una donna è naturale e quanto è imposto, quanto delle azioni di tutti i giorni, nel desiderio di una gravidanza, nell''accudimento dei figli è legittima aspettativa propria e quanto è desiderio di essere considerate brave bambine, di essere amate con sicurezza e stabilità, di vivere com''è giusto vivere? Io donna, io intellettuale immodesta, io amante, compagna, moglie futura e madre fra qualche anno, sto scegliendo da me quello che sono e sarò, o sto lasciando che altri lo facciano al posto mio, conformandomi a quello che è giusto, a ciò che sta bene, a Valori altrui? La mia pazienza è mia, è sana accettazione, o è un sistema per non impazzire sotto i colpi del vivere quotidiano, sotto il maglio della frustrazione? Mi sto punendo? Ci stiamo punendo? Ma per quali colpe?

Journal Entry 4 by pollastrella75 from Bologna, Emilia Romagna Italy on Friday, November 23, 2007
arrivato...va in coda a due ring...ma cercherò di fare presto....

Journal Entry 5 by pollastrella75 from Bologna, Emilia Romagna Italy on Thursday, November 29, 2007
Non sono riuscita a resistere. Ho letto il libro tutto d’un fiato trasgredendo l’ordine dei miei ring e mettendo da parte altri libri che avevo intenzione di leggere. Ma sinceramente mi ha deluso molto.
Più andavo avanti più le mie perplessità aumentavano. I toni e i personaggi mi convincevano sempre meno: Sara e la figlia, soprattutto, ma anche Gabriel, Berta, Ramona mi sembravano tutti un pò finti, eccessivamente stereotipati e poco credibili. Non so, mi è sembrato che la narratrice peccasse di supponenza ed eccessiva durezza un pò verso tutti....
Ringrazio comunque tanto la ringmaster perchè era un libro che mi incuriosiva da un bel pò...
.... ripartirà stamattina per Milano.

Journal Entry 6 by Primocorno from Milano, Lombardia Italy on Friday, December 28, 2007
non mi piace!

Journal Entry 7 by lisolachenonce from Pisa, Toscana Italy on Saturday, January 19, 2008
Arrivato stamani

Journal Entry 8 by lisolachenonce from Pisa, Toscana Italy on Wednesday, February 27, 2008
Devo fare ammenda per non aver spedito prima, il libro è ripartito oggi ma lo avevo finito da almeno 2 settimane..
Una bella storia, divertente e articolata, ben raccontata nonostante la difficoltà di non cadere nella noia per il lettore, dato il taglio stilistico.
Non avvincente come i gialli della Gimenez-Bartlett, ma in ogni caso di buon livello.
Grazie a devon per il ring.

Journal Entry 9 by mangelzoo on Sunday, March 2, 2008
arrivato va in codissima...

Journal Entry 10 by mangelzoo on Friday, March 28, 2008
Sono profondamente turbata...
Mi sono rivista nei panni della narratrice come in quelli di Sara il che è tutto dire...
Ho fatto difficoltà a leggere i capitoli troppo lunghi e le dissertazioni spesso troppo articolate, ma è un bel libro.
Mi piace sempre ciò che mi fa mettere in discussione, perchè sono sempre convinta che nella vita bisogna essere delle fenici...

Grazie riparte subito..

Journal Entry 11 by Towandaaa from Peccioli, Toscana Italy on Wednesday, April 9, 2008
arrivato

Journal Entry 12 by Towandaaa from Peccioli, Toscana Italy on Sunday, May 4, 2008
E’ solo il secondo libro che leggo di questa autrice, quindi è ancora troppo presto per esprimere una opinione approfondita, ma quello che balza agli occhi è che la scrittrice di “Segreta Penelope” quasi non sembra la stessa di “Nido vuoto”: tanto dinamico, ironico, sarcastico il secondo, quanto statico, duro il primo. In entrambi ho però apprezzato l’abilità nel presentare i diversi personaggi con i loro diversi modi di fare e di parlare ,caratteristiche e ideologie, in modo così reale da dare loro concretezza e credibilità. Ed anche la capacità di offrire al lettore quelle riflessioni amare che scaturiscono dall’atto soggettivo di mettersi in discussione.
In questa ricostruzione della storia di Sara e nella ricerca dei fattori che possano averla spinta al suicidio, l’acredine della voce narrante nei confronti degli altri amici, dell’ex marito e della figlia di Sara è davvero forte, a volte fin troppo. Mi è sorto spontaneo il pensiero che questo possa essere il riflesso di una propensione (purtroppo) fin troppo umana e comune: attribuire sbrigativamente ed anche immotivatamente ad altri le responsabilità di eventi che ci coinvolgono in qualche misura, prima ancora di andare ad indagare se una parte della colpa possa essere imputata anche a noi stessi, come per creare una giustificazione dietro alla quale nascondere la portata delle nostre azioni od omissioni. In effetti la voce narrante è molto drastica nel rivolgere ad ognuno degli altri personaggi accuse precise, mentre l’analisi del suo ruolo nella vicenda viene condotta solo sporadicamente, quasi di sfuggita, e con una disposizione d’animo che lungi dal presentarsi come un esame di coscienza riguardo all’intera storia, si pone solo come riconoscimento della propria propensione egoistica a non lasciarsi coinvolgere nei problemi altrui. Questo particolare taglio narrativo inoltre condiziona il grado di simpatia che Sara, Berta, Ramona, Adrian, Camila possono suscitare nel lettore: proprio perché è la voce narrante a presentarceli, li vediamo con i suoi occhi, e quindi è possibile finire per condividere i giudizi che traspaiono dal racconto, oppure, sulla spinta del desiderio di prendere le distanze da una ricostruzione così soggettiva, considerarli con un grado di indulgenza che forse non meritano completamente.

Journal Entry 13 by didone from Verona, Veneto Italy on Wednesday, May 7, 2008
arrivato adesso

Journal Entry 14 by didone from Verona, Veneto Italy on Tuesday, May 27, 2008
Ho amato tantissimo questo libro.
Sono rimasta affascinata dalla storia, svelata pian piano dalle parole dell'amica, di questa donna.
Una donna che si sente sola e diversa e cerca di uniformarsi in tutti i modi agli altri, che non è in grado di vivere la propria unicità senza tener conto dei giudizi di coloro che la circondano e che non la comprendono e che così, pian piano, uccide questa unicità fino al gesto ultimo, quello che annulla anche la fisicità.

Journal Entry 15 by ermydave from Millesimo, Liguria Italy on Wednesday, March 25, 2009
Arrivato

Journal Entry 16 by ermydave from Millesimo, Liguria Italy on Saturday, April 25, 2009
Letto,
spedisco al successivo

Journal Entry 17 by MelibeaPotter on Monday, June 8, 2009
Il libro è appena arrivato!!!

Journal Entry 18 by MelibeaPotter on Tuesday, August 25, 2009
Sono rimasta un pò delusa. L'inizio mi sembrava promettente, ma poi la noia ha preso piede. Ero in attesa dell'indirizzo di Arcoiris.
Il libro è partito stamattina.
Grazie per il ring.

Journal Entry 19 by paneenutella on Thursday, September 10, 2009
Arrivato, lo metto in coda e spero di non farvi aspettare troppo!

Journal Entry 20 by fedesub from Udine, Friuli Venezia Giulia Italy on Thursday, November 26, 2009
arrivato oggi nn vedo l'ora di iniziarlo. La Bartlett è una delle mie scrittrici preferite. Grazie

Journal Entry 21 by fedesub from Udine, Friuli Venezia Giulia Italy on Monday, December 28, 2009
Ho trovato questo libro della Bartlett fuori dai suoi soliti schemi o, per lo meno olto diverso rispetto ai gialli che fin'ora mi era capitato di leggere. Bello anche se triste, un libro che fa riflettere fra ciò che è e ciò che dovrebbe essere, fra la natura di ciascuno di noi e su quello che la società esige o che pensiamo esiga da noi, ma in fondo non possiamo restare noi stessi, un po' fuori dagli schemi anche all'interno delle regole della società? Quali sono le conseguenze dello snaturarsi o del pretentere che qualchun'altro snaturi il suo io? Tante domande per tante molteplici risposte. Grazie per il ring, spedisco al prossimo corsaro non appena recupero l'indirizzo. Buona lettura

Journal Entry 22 by claudia1964 from Civitanova Marche, Marche Italy on Thursday, December 31, 2009
E' arrivato a casa mia

Journal Entry 23 by claudia1964 from Civitanova Marche, Marche Italy on Wednesday, February 17, 2010
E’ il primo che leggo in cui non sia protagonista della storia Petra Delicado, e mi ha delusa.
Le avventure con protagonista Petra mi divertono, l’ironia è la principale arma della scrittrice, ed è sempre presente nelle storie della poliziotta simil-montalbano.
Qui manca l’ironia, la storia è piatta e poco coinvolgente.

Are you sure you want to delete this item? It cannot be undone.